vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Agrate Conturbia appartiene a: Regione Piemonte - Provincia di Novara

Antico Pronao a Colonne (Sec. XVII - XIX)

Nome Descrizione
Indirizzo Piazza Collobiano - c/o Chiesa di San Giorgio
Telefono 0322.832309 (Parrocchia)
Informazioni Proprietà: ente ecclesiastico
Copertura: a volta, forma a crocera
Uso originale: pronao a colonne
Uso attuale: pronao a colonne
Carta per la georeferenzazione: CTR 1:10.000, 094110
In corrispondenza delle strutture posteriori del complesso parrocchiale dedicato a San Giorgio è presente una interessante manufatto edilizio con struttura a portico, costituita da sei volte a crocera poggianti su colonne lapidee a sezione circolare. Risulta collocata su un piccolo poggio, che in origine ospitava anche l'antico cimitero.
L'intradosso delle volte è rifinito ad intonaco, così come lo sono le murature perimetrali interne, segnate da estesi fenomeni di degrado con risalita capillare di umidità, incipienti fenomeni di sfarinamento con sgretolamento degli intonaci e perdita di materiale.
La pavimentazione è realizzata in acciottolato. Anche gli intonaci esterni sono fortemente degradati, con perdita di materiale in corrispondenza dei giunti di legante e degli elementi laterizi che costituiscono parte degli apparecchi murari, realizzati comunque con impiego prevalente di moduli in pietra (serizzo).
Questo manufatto è collocato in prossimità della Casa Canonica: verosimilmente la sua realizzazione venne concepita in seguito agli interventi di riplasmazione della basilica romanica di San Giorgio, iniziati al principio del secolo XVII. Non dimentichiamo che in Conturbia è presente anche una struttura incastellata a corte chiusa, nota appunto come Castello di Conturbia, con impianto planimetrico quadrangolare fortificato, successivamente trasformato in villa gentilizia.
Auspicabile la realizzazione di interventi di bonifica dall'umidità in corrispondenza del piede delle murature ed un eventuale ripristino dei giunti di legante dilavati e/o alla realizzazione di rappezzi con tecnica non distruttiva (tipo cuci-scuci) ed impiegando materiali e sostanze affini a quelli originari e legante a base di malta di calce naturale. Anche il rifacimento degli intonaci di superficie dovrà essere condotto impiegando sostanze ad alta traspirabilità.
Inoltre, per quanto riguarda le colonne e gli elementi decorativi in pietra, sarà opportuna la pulizia condotta con tecnologie non distruttive, attraverso l'impiego di strumentazioni idonee.

Analisi stilistica
L'edificio è realizzato con le tecniche costruttive tradizionalmente in uso in questo contesto storico, ovvero con un impiego prevalente di murature in pietra.
Strutturalmente il fabbricato si presenta come un edificio con muratura portante continua sul perimetro, realizzata con l'impiego di elementi lapidei di varia forma e pezzatura, assemblati fra loro con l'impiego di scarso legante.
L'edificio presenta manto di copertura su un sistema di orditura lignea.